Sneakers Estate bianche Kqt2vefv

SKU10197948
Sneakers Estate bianche Kqt2vefv
Sneakers Estate bianche
7 Mi piace
Condividi

Più unico che raro. Ovvio, tutti sono unici, ma, presentandomi preferisco dire qualcosa di scontato piuttosto che parole anglofone che fanno sembrare guru, ingiustificatamente. L#39;unicità inoltre la tengo sempre presente, anche in quello che faccio online, nei siti web, nella SEO, ecc., mie passioni oltre che il mio lavoro. Vuoi sapere altro? Google Me!

TPulling Balletto Donna Argento Gold 37EU36 WssIRu

Per aggiungere un commento in questa sezione, è necessario essere un utente registrato. Se si è utenti registrati, effettuare l'accesso. Se ancora non si è utenti registrati, procedere alla registrazione ed effettuare l'accesso.

Commenti
in data ‎10-06-2018 12:42

Mi è capitato di curare un sito web (e-commerce) con Bounce Rate da oltre il 60-70% . Situazione a mio parere dovuta principalmente adUI e UX poco intuitive: i visitatori cliccavano e abbandonavano la pagina prodotto (nonostante corrispondesse a quanto avevano appena cercato), senza acquistare ovviamente.

Credo sia lo scenario più fastidioso, perché comporta una modifica radicale del sito (o quanto meno delle pagine coinvolte).

Un modo efficace per correre ai ripari potrebbe essere quello di installare un tracker che registri le azioni degli utenti e crei delle heatmaps , così da poter apportare modifiche a quelle pagine sulla base dei dati raccolti.Che ne pensi?Contenuto molto interessante, grazie per la condivisione!Marco

0 Mi piace
in data ‎11-06-2018 09:02

Ciao @Marco C ,

come dico nell'articolo alla fine il numero (60% - 70%) non è un problema. Sopratutto se l'ecommerce converte.

Se mi dicevi che paghi AdWords ed il tasso di conversione è dello 0,2% ti dicevo la "stessa cose": il ritorno dell'investimento è positivo? Anche se si può tenmtare di migliorare il tasso di conversione non è un enorme problema.

Comunque sia l'ottimizzazzione del rapporto di conversione dell'ecommerce non è una cosa che si fa "istantaneamente" guardando heatmaps, l'esperienza utente (mobile/desktop) sicuramente è essenziale, ci sono poi best ptacticies e bisogna testare nuove implementazioni e/o cambiamenti.

A volte anche piccoli cambiamenti possono dare dei buoni risultati.

Buona giornata,

Yuri.

0 Mi piace
Etichette
Risposta

Hey there, facci sapere cosa ne pensi

Ci piacerebbe avere il tuo feedback attraverso un breve sondaggio.

Il tempo di completamento è inferiore ai 2 minuti

Ok, ci sto No, grazie

Se acconsenti, il sondaggio si aprirà in una nuova finestra. Puoi aspettare di aver terminato la visita in Community prima di compilare il sondaggio.

Il portale italiano dedicato alla meditazione

» Sandali bianchi per bambina Qzbaoshu 3eNTs
» Sandali urban per uomo Urban Beach wfZRvT3GFQ
» Posizione del loto (Padmasana): tutto quello che devi sapere

Come meditare ,

Oggi scopriremo tutti i segreti e benefici della posizione del loto , il nome con cui comunemente ci riferiamo a Padmasana , l’ asana più conosciuto al mondo ed il più largamente utilizzato per praticare la meditazione zazen .

posizione del loto

Esistono centinaia di forme e tecniche di meditazione, eppure quando si pensa ad una persona che medita non si può fare a meno di immaginarla nella classica posizione del loto . Perché? Il motivo è molto semplice: alcuni elementi alla base delle posture di meditazione vengono impiegati in tutto il mondo e in tutte le culture al fine di calmare la mente e adattare il corpo al processo meditativo. La posizione del loto, tipica della meditazione zen, è quella che riassume e concentra questa varietà di tecniche nel modo più semplice ed essenziale, il che la rende perfetta per diverse pratiche, dallo yoga alla meditazione, ed è il motivo della sua larghissima diffusione. In questa guida scopriamo il suo scopo, le sue origini ed i passi per eseguirla correttamente.

Cos’è la posizione del loto e quali sono le sue origini

La posizione del loto è un asana che affonda le sue origini nell’antica India. Il suo nome originale è Padmasana , che deriva dalla combinazione delle parole sanscrite “padma” (loto) e “asana” (posizione), e si deve alla somiglianza simbolica con un fiore di loto, associato alla stabilità fisica e spirituale.

Padmasana

Le sue caratteristiche principali sono le gambe incrociate e ogni piede posto sulla coscia opposta, mentre braccia e mani possono assumere diverse posizioni. Lo scopo della posizione del loto è la perfetta stabilità del corpo e i benefici fisici che se ne traggono sono moltissimi. In particolare:

stabilità

Shiva , il Dio ascetico dell’induismo, e Siddhartha Gautama (Buddha), il fondatore del buddismo, sono quasi sempre rappresentati nella posizione del loto.

Siddhartha Gautama

È importante precisare che quando si assume questa posizione non si dovrebbe mai provare dolore , in nessuna fase dell’esercizio, in quanto sarebbe un chiaro segnale di un’esecuzione scorretta o di una preparazione non adeguata. Le ginocchia sono una parte molto delicata del nostro corpo, per questo motivo non vanno sforzate eccessivamente, né va sottovalutata la fase della loro piegatura.

Longra Sandali del bambino nappa Spike soled molli Size11 Blu f3yXDF
Sei in:
Scarpe Da Ginnastica Uomo Donna Sneakers Alte Casual Comode Bianca Nera d0mkjet
| Energia

La tecnologia eolica, il mini eolico, il micro eolico, l'eolico off shore

L'eolico, il mini eolico, il micro eolico, l'eolico off shore Un generatore eolico sia ad asse verticale che orizzontale richiede una velocità minima del vento (cut-in) di 3-5 m/s ed eroga la potenza di progetto ad una velocità del vento di 12-14 m/s. Ad elevate velocità (20-25 m/s, velocità di cut-off) l'aerogeneratore viene bloccato dal sistema frenante per ragioni di sicurezza. Il bloccaggio può avvenire con veri e propri freni che bloccano il rotore, o con metodi che si basano sul fenomeno dello stallo e "nascondono le pale al vento". I giri al minuto dell'aerogeneratore sono molto variabili come lo è la velocità del vento; ma la frequenza di rete deve essere costante a 50 hertz, perciò i rotori vengono collegati a una serie di inverter prima di immettere l'energia in rete. La cinematica del generatore eolico è caratterizzata da bassi attriti, assenza di surriscaldamento e di un sistema di refrigeranti (olio ed acqua) e un costo di manutenzione pressoché nullo.

Esistono generatori di energia eolica della più svariata forma e dimensione; per gli aerogeneratori di grande taglia la tecnologia ad oggi dominante è quella dell'aerogeneratore ad asse orizzontale in particolare tripala, con eliche che si orientano in direzione del vento.

La dimensione massima degli aerogeneratori tripala è in crescita costante con potenze nominali, per le turbine più grandi, che si avvicinano alla soglia dei 10 MW. Il gigantismo degli aerogeneratori aumenta l'impatto visivo degli stessi, il ché può rappresentare un problema in siti di particolare pregio storico; comporta però anche effetti energetici importanti: infatti la velocità del vento (e ancor più l'energia potenziale dello stesso) aumenta allontanandosi dal suolo; inoltre la potenza dell'aerogeneratore varia proporzionalmente al quadrato della lunghezza della pala. Da questo deriva che un aerogeneratore di dimensioni doppie rispetto ad un altro, in condizioni standard, non si ritrova con una potenza doppia ma enormemente superiore; a puro titolo esemplificativo: aerogeneratore diametro rotore da 126 m - potenza nominale 7MW (E-126), aerogeneratore diametro rotore da 66 m - potenza nominale 1,65 MW (V-66).

I grandi parchi eolici possono in taluni casi costituire un problema per l'avifauna, in particolare quella migratoria. Al riguardo esistono sul mercato sia sistemi per tenere lontani gli uccelli (dissuasori) sia appositi radar/sistemi di rilevamento che arrestano le pale in presenza di stormi. Un altro impatto tipico dei grandi parchi eolici è il rumore creato dal rotore mosso dal vento. Solitamente però la localizzazione di questi impianti (rilievi, zone costiere, mare territoriale) coincide con densità abitative basse o nulle, riducendo considerevolmente la rilevanza di tale impatto.

I principali produttori mondiali di aerogeneratori sono tedeschi e danesi: Vestas, Enercon, Siemens, Gamesa Eolica, GE Wind. Ma anche in questo settore si stanno affacciando sul mercato internazionale le aziende cinesi.

Mini eolico Piccolo eolico, o minieolico, è considerata la produzione di energia elettrica da fonte eolica realizzata con l'utilizzo di generatori di altezza inferiore a 30 metri. Gli aerogeneratori possono essere al servizio di una utenza isolata non collegata alla rete elettrica o connessi sia per auto-produzione in scambio che per fornitura di energia alla rete. La differenza con il grande eolico risiede oltre che nella dimensione delle macchine nella possibilità di operare economicamente con regimi di vento inferiori a quelli richiesti dalle grandi macchine industriali.

Microeolico Per microeolico si intendono impianti portatili, capaci di fornire anche meno di 1 kW a strutture come camper, cucine ed ospedali da campo, server e router wireless per computer portatili in spiagge o campeggi, barche a vela o yacht, ecc. Questa piccola quantità di potenza è sufficiente a fornire potenza a qualche lampada fluorescente, a frigoriferi ecologici, laptop, ma non ad alimentare resistenze elettriche di forni, scaldabagni o lavatrici.

Eolico off shore Con l'espressione eolico off-shore si intendono gli impianti installati ad alcune miglia dalla costa di mari o laghi, per meglio utilizzare la costante e considerevole esposizione ai venti di queste zone. La dimensione delle aree marine permette poi la realizzazione di parchi eolici composti da decine a centinaia di aerogeneratori. I costi dell'off-shore sono però superiori all'eolico on-shore: per profondità del mare fino a 20/30 metri si possono utilizzare tecnologie di fondazione in mare già rodate, per profondità superiori sono allo studio vari prototipi che prevedono turbine galleggianti ancorate al fondale marino. Nel Mare del Nord che ha fondali bassi sono in fase di realizzazione Parchi eolici con centinaia di aerogeneratori: a puro titolo esemplificativo si citano "London Array", vicino all'estuario del Tamigi (potenza circa 1000 MW) o "BARD Offshore 1" di fronte alle coste tedesche e danesi (potenza circa 400 MW). Per saperne di più sull'eolico

Regione Toscana
Cittadini
Imprese
Enti e associazioni
Partita IVA 01386030488

Fornito da Liferay

Impegno, attenzione ai clienti, efficacia ed efficienza sono i punti fondamentali dell’azione di AMG Gas che ha fatto della qualità e del miglioramento costante del servizio offerto il suo obiettivo principale.

AMG Gas s.r.l. Società soggetta ad attività di direzione e coordinamento di Edison S.p.A. Capitale sociale EUR 100.000 i.v. - C.C.I.A.A. di Palermo ed Enna - R.E.A. di Palermo n. 231830 - Codice Fiscale e Partita IVA n. 05044850823